Mario Luzi
Da Poggiali Berlinghieri - Firenze ti @mo -catalogo della mostra
al Consiglio Regionale della Toscana, Morgana Edizioni, Firenze 2002.

 

Notazioni

  Rimpiango l'apertura aerea, luminosa che sulla destra della stazione di Santa Maria Novella mandava lo sguardo ai monti azzurri in lontananza, un orizzonte chiaro e felice oggi accecato da squallide pensiline e baraccamenti.
Le poche vie di Firenze rettilinee tentano l'occhio e la mente con un certo fervore.
Sono chiuse o aperte al nuovo le antiche vie di Firenze? Sono cosi essenziali che tutto pu┌ essere accolto e tutto respinto o vanificato.
I luoghi di una cittř che si sentono conclusi in se stessi attirano i turisti ma tradiscono la civitas.
L'oriente a Firenze ╦ di casa cosi come l'occidente un po' atlantico. Dal Porcellino a via dell'Ariento al Lungarno o alle Cascine del vento occidentale di Shelley.
Il nuovo ╦ il moderno? Il moderno ╦ il nuovo? Il nuovo ╦ moderno, il moderno ╦ nuovo? Macch╚.
Una nuvoletta bianca, un cirro nel cielo azzurrissimo verso il termine del rettilineo di via Cavour, sopra il Parterre e il Mugnone e piś in lř... quali viaggi mitici lascia immaginare...
Le stesse vie le possiamo avere percorse tenuti per mano dai genitori, portati da sandali di vento del desiderio dell'amata, su abolizioni ansiose di ogni distanza, in nuove impensabili identitř del luogo...
Le presenze sulla scena fiorentina sono troppo presenti per lasciare margini a fughe dell'immaginazione? Ora lo penso, ora lo nego. Tuffo pu┌ apparire, accadere, agire nella cittř murata e nelle sue adiacenze. Come al solito per┌ non avrř pietř verso il fasullo che si sia provvisoriamente istallato e fatto credere nel suo aperto scenario. In questo ╦ crudele e la sua crudeltř le si legge in faccia.
Quel crepaccio tra casamenti ╦ Firenze, una via di Firenze. Ma poco piś avanti si incastella in un fortilizio duro e leggiadro a picco sopra i passanti... ╗ l'Oriente crociato dai nostri antichi pittori.
Possono crearsi virtualitř di ogni genere in Firenze, ma devono poi concretizzarsi alla svelta. La sospensione di credulitř qui dura poco.
Scommette parsimoniosamente su se stessa, Firenze. Piś sulla normale e fiduciosa vitalitř delle generazioni. Insomma non presume troppo di s╚. Non c'╦ boria nelle sue vene. I suoi antichi segni d'imperio erano la sanzione di un potere acquisito, non un proclama. E la fede aveva la sua esatta statura.
     

                                                                                                                       Mario Luzi

 

 

Mario Luzi
Da Poggiali Berlinghieri - Monumenti uno
Comune di Sesto Fiorentino,  Edizioni ArteStudio53, Firenze 2000.

 

Mi attraggono con viva, ingenua, immediata simpatia le "ingegnerie" di Poggiali Berlinghieri che sono teoremi e ricerche, d'accordo, ma ci si offrono come gioiose invenzioni. Invenzioni di un pittore che tale ╦ rimasto nonostante il confluire nella sua creativitř di altre tecniche.

Da un bel numero di anni l'impulso fondamentale dell'artifex ha chiamato a raccolta le risorse e i talenti di
Poggiali Berlinghieri senza sacrificare per┌ la visione speculativa che continua a cercare il suo "fuoco".

Nei tempi piś recenti quella attitudine si ╦ pronunciata meglio come vera volontř di costruzione.

Mi pare un momento felice della vicenda artistica di Poggiali Berlinghieri . Ho ancora negli occhi ammirati il
"Pegaso" di Sesto Fiorentino nel suo spazio circoscritto ma aperto, il corpo teso, il volo incipiente. Splendido
nel sole, splendido nel controsole.
Mario Luzi